martedì 27 novembre 2018 06:39 Età: 14 days

Aeroporto Treviso: una Interrogazione su VIA e “Ambiente”

Categoria: Aeroporti, Treviso, Archivio, Dossier, Pubblicazioni, Ambiente, Convegni, Std ICAO ENAC, Comitati , Aviation topics

 

E' relativa al doppio ruolo in Commissione VIA e Assessorato Regionale

Tra VIA, VAS, SIA e masterplan aeroportuali ed altro, sorgono, inevitabilmente, problematiche associate a ruoli di gestione dell'Assessorato Regionale del Veneto ed una funzione di membro della Commissione VIA che analizza e decide autorizzazione corrispondenti è stato sottoposto all'intervento che il Consigliere della Regione Veneto ha presentato al Consiglio del Veneto.

Interrogazione a risposta scritta N. 658

Progetto di ampliamento dell'aeroporto A. Canova di Treviso: l'Assessore all'Ambiente è anche componente della Commissione VIA. La Giunta Regionale intende intervenire?

presentata il 22 novembre 2018 dal Consigliere Zanoni

Premesso che:

è in corso di studio, da parte della Commissione VIA regionale, il progetto denominato “Strumento di pianificazione e di ottimizzazione al 2030 dell’aeroporto “A. Canova” di Treviso”, con il quale Save/AerTre, società di gestione dell’aeroporto trevigiano, punterebbe a toccare un numero di voli annui pari a 22.499 (+6% rispetto al 2017) per una movimentazione di passeggeri pari a 3 milioni e 227mila (+7%) e con sforamenti dei voli notturni anche oltre le ore 22.00;

attualmente il numero massimo di voli consentiti al “Canova” (fissato nel 2007 dal Ministero dell’Ambiente) è pari a 16.300 annui. Si tratta di un limite che tuttavia non è mai stato nei fatti rispettato e che viene raggiunto e superato già nel mese di settembre: per l’anno in corso si rischia di raggiungere addirittura la cifra di 23.000;

- il parere che la VIA regionale deve dare è stato momentaneamente sospeso a seguito della ricezione, risalente a ottobre 2018, del documento relativo alle integrazioni dello Studio di Impatto Ambientale da parte di Enac e Save/AerTre.

Considerato che

 il suddetto parere è di importanza cruciale: il consentire infatti un aumento esponenziale dei voli significa dare il benestare ai conseguenti aumenti di inquinamento nell’aria (con polveri sottili e benzoapirene), ed acustico, oltre alla crescita dei fattori di rischio per la sicurezza, come ad esempio l’impatto accidentale degli aerei con gli uccelli. Dunque, tra le mani della Commissione VIA regionale si gioca un grande pezzo di futuro sul fronte della tutela della salute e della qualità della vita dei cittadini;

- con interrogazione n. 367 del 25 maggio 2017 (presentata dallo scrivente e sottoscritta dai consiglieri Azzalin, Fracasso, Pigozzo, Salemi, Zottis e Guarda) era stato chiesto alla Giunta regionale se non riteneva opportuno intervenire in merito alla procedura di Via relativa al progetto di pianificazione e di ottimizzazione dell’aeroporto “A. Canova” di Treviso, al fine di scongiurare che il previsto incremento dei voli e la revisione delle rotte di decollo possano arrecare danni alla popolazione (sia sotto il profilo della qualità di vita che sanitario) e all’ambiente del territorio interessato. Nella risposta all’interrogazione la Giunta regionale ha sottolineato che: “Al fine di considerare opportunamente gli aspetti sanitari nell’ambito dell’istruttoria regionale finalizzata all’espressione del parere VIA sul progetto denominato “Strumento di pianificazione e di ottimizzazione al 2030 dell’aeroporto “A.CANOVA” di Treviso”, il suddetto Comitato ha ritenuto di integrare il gruppo istruttorio incaricato dell’esame del progetto con un rappresentante dell’Area Sanità e Sociale. A tal fine la struttura regionale interessata ha già formalizzato la richiesta in data 6 luglio 2017, per avere l’indicazione di un qualificato rappresentate di tale Area”. Ma ad oggi non risulta sia stato ancora indicato un rappresentante dell’Area Sanità e Sociale nel gruppo istruttorio e non sono state date altre delucidazioni, neppure in risposta all’interrogazione n. 558 del 26 marzo scorso presentata dallo scrivente;

- dal 2016 fa parte della Commissione Via regionale anche l’attuale assessore all’Ambiente di Treviso, dott. Alessandro Manera e, da informazioni assunte dallo scrivente presso l’Unità regionale VIA, pare che lo stesso faccia parte anche del Gruppo Istruttorio della VIA Regionale inerente al progetto di ampliamento dell’aeroporto “Canova”;

- il suddetto dott. Manera, dal giugno 2018, fa parte della Giunta comunale di Treviso che si è apertamente espressa a favore dell’ampliamento dell’aeroporto e dunque, ricoprendo ruolo anche all’interno della Commissione VIA, appare come figura in posizione di palese conflitto di interesse.

Tutto ciò premesso, il sottoscritto consigliere regionale

chiede alla Giunta regionale

se, relativamente al progetto di ampliamento dell’aeroporto “A. Canova” di Treviso, intende intervenire in merito al doppio ruolo di assessore all’Ambiente di Treviso e componente della Commissione regionale VIA ricoperto attualmente dal dott. Alessandro Manera.