lunedì 26 novembre 2018 06:13 Età: 15 days

Italia, ancora non confermati ulteriori tagli alla flotta F 35

Categoria: Aerobasi, Pubblicazioni, Safety Security , Archivio, Dossier, Convegni, Flotta militare, Aviation topics

 

Interrogativi anche sul costo unitario e complessivo dei velivoli!

Se a Luglio scorso il Ministro della Difesa Elisabetta Trenta aveva ribadito il rispetto del programma di acquisto degli F-35, perciò l'acquisto di una flotta di 90 caccia F-35, ecco che ora l'impegno sembrerebbe ridimensionarsi. Anche nel mese di settembre aveva dichiarato. “Appena concluse le valutazioni tecniche comunicheremo in modo trasparente ai cittadini, ma posso anticipare che stiamo lavorando verso una riduzione, coerentemente con quanto avevamo detto”  .

Inizialmente la flotta italiana di F 35 avrebbe dovuto essere di 131 velivoli. In attesa di precisazioni sull'argomento è indispensabile sottolineare l'intenzione del Governo di allungare i tempi di consegna dei jet della Lockheed Martin F-35. La dilazione di questi tempi permetterebbe un risparmio - nell'arco temporale 2015-2019 - temporaneo equivalente a 1,2 miliardi di euro.

Le criticità associate alla cacciabombardiere di ultima, quinta generazione, probabilmente il velivolo più costoso mai realizzato, una flotta peraltro messa-a-terra, anche recentemente, per verifica e ispezioni sul sistema carburante dopo un crash in Carolina-USA), progettato alla fine dello scorso secolo da un consorzio che oltre alla Lockheed Martin USA e la Bae Systems (Gran Bretagna), avrebbe dovuto coinvolgere anche il gruppo Finmeccanica-Leonardo. Lo scenario di produzione aveva inizialmente stimato la vendita di 2000-3000 esemplari ma avrebbe invece raggiunto una quota di circa 600 velivoli. La spesa iniziale prevista per 131 F 35 “italiana” era stata di circa 15 miliardi di euro, anche se l'incremento graduale del costo ha generato attese per un importo ancora maggiore. E i tempi lunghi per la consegna non fanno altro che preoccupare i singoli Governi sottoscrittori dei contratti.

La costruzione di una azienda per costruzione-assemblaggio di F 35 presso l'aerobase di Cameri (Novara), con un costo di 800 milioni di euro, non ha impedito che il Governo Monti riducessi l'impegno ad acquisire solo 90 dei 131 velivoli del contratto iniziale con una riduzione dei costi di 4-5 miliardi di euro. Quale la posizione del Ministro Trenta? E' ancora in attesa delle valutazioni tecniche sul cacciabombardiere?

Nel frattempo dopo che il governo belga ha deciso di acquistare F-35 Lightning II di quinta generazione per la flotta dell'Aviazione militare nazionale con 34 esemplari e per un costo complessivo di circa 15 miliardi di euro – che rimanda ad una spesa differenziata e ben superiore a quella stimata dai Governi Italiani - una indagine pubblicata dal settimanale belga "Knack" ha evidenziato non solo le anomalie di una gara d'appalto per la scelta degli F 35, anche in relazione alle criticità “operative” denunciate dal velivolo. Quale è, quindi, il costo complessivo dell'attuale ordine di 90 F 35 italiani?