venerdì 15 marzo 2019 06:10 Età: 72 days

Houston, disastro Boeing 767: ecco un primo resoconto NTSB

Categoria: Aeroporti, Altri scali, Safety Security , Archivio, Dossier, Pubblicazioni, Low cost, Convegni, Incidenti aerei, Human factor

 

Ancora un velivolo fuori controllo? Che fare?

In una nota che rappresenta un primo aggiornamento dell'inchiesta della NTSB-National Transport Safety Bureau relativa al Boeing 767 Cargo precipitato lo scorso 23 febbraio 2019 nella baia-laguna prospiciente la pista di atterraggio all'aeroporto di Houston, volo Atlas Air flight 3591, Boeing 767-375BCF, con tre vittime di equipaggio, le evidenze sono inaspettate.

L'ultima quota raggiunta in discesa per l'atterraggio sulla pista 26 Sinistra è stata di 6200 piedi in discesa, in una situazione meteo di precipitazioni, e vettori radar con 270° di prua ed una velocità di 230 nodi, quando dopo a seguito di un improvviso incremento della spinta dei motori al massimo della potenza, un nose up/cabrata di 4° e una immediata discesa di circa 49°. Una picchiata davvero anomala conseguente ad una pressione sulla barra/volantino di comando. Una fase nella quale non, comunque, intervenuto l'avviso di stallo - stall warning (stick shaker) did not activate.

Sulla prua di 270° il Boeing 767-375 – hanno riportato i riscontri delle scatole nere e non solo - FDR, radar, and ADS-B data – si è trovato in una configurazione di rapida discesa raggiungendo una velocità di 430 nodi. Nella fase immediatamente precedente all'impatto dell'aeromobile nella laguna la pendenza sarebbe stata ridotta di 20°, comunque, ancora un pitch down di quasi 30°.

La nota investigativa NTSB abbisogna di maggiori dettagli sulla effettiva dinamica degli eventi. Anche in relazione alla situazione meteo (erano forse in corso intense precipitazioni con aree-cellule temporalesche?), al carico di pallet imbarcato e al bilanciamento del velivolo e, ovviamente, all'eventuale malfunzionamento, di avarie e segnalazioni tecniche specifiche sulle prestazioni del Boeing 767 Cargo.

Il velivolo in questione era equipaggiato con due propulsori General Electric CF6-80C2B6F e aveva fatto il primo volo il 21 Aprile 1992, aveva svolto per 26 anni e 10 mesi servizio nell'aviazione commerciale. Dopo le criticità innescate dalla flotta Boeing 737-800 Max ecco uno scenario di altro incidente con la distruzione dell'aereo, di un velivolo fuori controllo senza cause trasparenti, concause, al momento, inesplicabili. Una questione tecnica e/o operativa? FAA, EASA e Boeing dovranno necessariamente, motivarlo. In attesa di una eventuale sospensione dei voli dell'intera flotta Boeing 767-300?