martedì 17 novembre 2020 18:46 Età: 18 days

Aerolinee ed emissioni gassose, quel miliardo/tons di CO2 in due anni

Categoria: Aeroporti, Altri scali, Archivio, Dossier, Pubblicazioni, Ambiente, Convegni, Imp. gassoso, Std ICAO ENAC, Comitati

 

Come fronteggiare l'impatto delle flotte aeree in volo ed a terra

Lo studio “Global Environmental Change” di 12 pagine, disponibile su “ScienceDirect Global Environmental Change journal homepage: www.elsevier.com/locate/gloenvcha” dell'università svedese di Linnaeus, ha sintetizzato il livello di emissioni di anidride carbonica che riguardano il trasporto aereo.

Sono dati del 2018.

Lo scenario analizzato si sostiene come solo l’1% della popolazione mondiale sarebbe in grado di provocare il 50% delle emissioni di anidride carbonica che riguardano il trasporto aereo. Le aviolinee avrebbero generato un miliardo di tonnellate di CO2 nel 2018, e l’11% della popolazione del Pianeta si è imbarcato su un velivolo nel corso del 2018.

Rimandando alla lettura del documento è utile presentare le conclusioni dello studio, che sono le seguenti:

“Questo documento ha esaminato sistematicamente la domanda di trasporto aereo su scala globale,

scale regionali, nazionali e individuali. I risultati supportano due intuizioni di rilevanza fondamentale per il cambiamento climatico, vale a dire l'ampia quota delle emissioni complessive dall'aviazione non coperta dalle politiche climatiche - in particolare alla luce dell'evidenza che le politiche climatiche esistenti per l'aviazione sono inadeguate -;

anche come la significativa concentrazione della domanda di trasporto aereo tra una piccola quota di facoltosi viaggiatori frequenti. Entrambi evidenziano la mancanza e la necessità di governance climatica dell'aviazione - possibilmente su scala nazionale e regionale - affrontare le emissioni del trasporto aereo. La pandemia COVID-19 in corso rappresenta un'opportunità per ripensare l'aviazione in termini di distribuzione della domanda, esigenze e bisogni del trasporto aereo (aerei privati, prima classe suites), così come la traiettoria di crescita dell'aviazione in scenari di ripresa e la crescente interferenza del settore con gli obiettivi di mitigazione.

I risultati sottolineano anche la necessità di ulteriori ricerche per comprendere meglio un'ampia gamma di interrelazioni, come la distribuzione di domanda di trasporto aereo in base a diversi principi di allocazione e in base a base delle entrate per chilometri passeggeri piuttosto che numero di viaggi; generale interrelazioni della crescita del PIL e concentrazione della ricchezza con il intensità energetica della domanda di trasporto aereo; o la quantificazione delle sovvenzioni inoltrate ai viaggiatori aerei negli attuali regimi politici.

C'è anche un comprensione limitata dell'interferenza dell'aviazione militare con il clima obiettivi. Questi forniranno ulteriori importanti input per il trasporto aereo governance, ovvero la progettazione di politiche di transizione che allineano il settore con obiettivi di economia a basse emissioni di carbonio”.