giovedì 18 febbraio 2021 14:22 Età: 8 days

Aeroporti: emissioni gassose e Clean Air Solution di Camfil USA

Categoria: Aeroporti, Altri scali, Archivio, Dossier, Ambiente, Imp. gassoso, Std ICAO ENAC, Comitati , Aerolinee, Aviation topics

 

L'azienda leader nei filtri aria ha proposto queste note!

Come fronteggiare l'impatto atmosferio nell'intorno di un aeroporto e nello stesso sedime?

Sintesi di uno studio del 2017

Gli studi hanno scoperto che le persone che vivono vicino a un aeroporto possono sperimentare un tasso più elevato di problemi respiratori a causa delle elevate emissioni degli aerei che contengono contaminanti pericolosi.

 

Studi recenti hanno scoperto che vivere vicino a un aeroporto potrebbe essere pericoloso per la salute.

 

Uno studio sulla qualità dell'aria ha rilevato che i quartieri fino a 10 miglia di distanza dall'aeroporto internazionale di Los Angeles (LAX) sono contaminati da alti livelli di particelle ultrafini che possono essere facilmente ingerite o inalate. Queste particelle sono pericolose per la salute umana perché possono penetrare nei polmoni e nelle vie respiratorie e peggiorare i sintomi dell'asma, oltre a portare a una diminuzione della funzione polmonare e alle capacità cognitive nei bambini.

 

I ricercatori sanno da anni che i gas di scarico degli aerei contengono particelle ultrafini dannose per la salute umana. Ma un numero crescente di studi sta scoprendo che, lungi dall'essere contenuto in una piccola area, l'inquinamento aeroportuale può diffondersi molto più lontano di quanto si pensasse in precedenza e causare problemi di salute reali nelle aree residenziali dove le persone non sono consapevoli del rischio. Questo è un problema che colpisce tutti coloro che sono preoccupati per la qualità dell'aria nel luogo in cui vivono.

 

Fatti sull'inquinamento aeroportuale

Per comprendere appieno questo problema, è importante dettagliare alcuni fatti sull'inquinamento aeroportuale.

 

Secondo il Los Angeles Times, i gas di scarico degli aerei sono la principale fonte di inquinamento aeroportuale nelle principali aree urbane degli Stati Uniti.Il motivo è che i vapori di scarico brucianti degli aerei creano particelle ultrafini, che possono peggiorare le condizioni polmonari e cardiache, aggravare la bronchite e l'enfisema e anche portare ad arterie bloccate. (1)

 

Queste particelle ultrafini sono “meno di un millesimo della larghezza di un capello umano [e] possono penetrare in profondità nei polmoni, farsi strada nel flusso sanguigno e diffondersi al cervello, al cuore e ad altri organi critici. Mentre le emissioni di particelle di scarico leggermente più grandi sono regolamentate, le particelle ultrafini non lo sono. "

 

Pertanto, la maggior parte degli inquinanti atmosferici generati dai gas di scarico degli aeromobili non sono regolamentati dalla US Environmental Protection Agency (EPA), che è di grande preoccupazione, a causa del numero dei principali aeroporti negli Stati Uniti.

 

Un'altra fonte di preoccupazione è lo studio LAX, che ha scoperto che i quartieri fino a 10 miglia di distanza dall'aeroporto avevano livelli elevati di particelle a causa delle emissioni aeroportuali.

 

E il livello di inquinamento a LAX era equivalente alle emissioni generate da quasi 500 veicoli bloccati ogni giorno nel traffico autostradale.

 

Quel che è peggio è che i ricercatori hanno anche rilevato altri inquinanti nocivi all'interno e intorno agli aeroporti, come l'ossido di azoto - che crea smog - e il carbonio nero, "un componente importante della fuliggine presente negli scarichi dei motori".

 

E non sono solo i grandi aeroporti a rappresentare un rischio perché l'American Chemical Society ha riferito che le emissioni degli aeroporti regionali erano "significativamente elevate rispetto ai livelli di inquinamento di fondo". (2)

 

Controllo dell'inquinamento correlato all'aeroporto

Alla luce di questi fatti, il controllo dell'inquinamento legato agli aeroporti è fondamentale per prevenire i problemi di salute causati dalla dispersione nell'atmosfera di particelle ultrafini.

 

Alcuni aeroporti hanno agito per conto proprio e hanno implementato nuove politiche nel tentativo di ridurre i livelli di emissioni.

 

Secondo Enviro Aero, alcuni aeroporti forniscono energia elettrica e rifornimenti aerei ai gate dei terminal, il che consente ai piloti di disattivare l'alimentazione ausiliaria negli aerei, "riducendo il consumo di carburante e le sostanze inquinanti". (3)

 

Altri aeroporti hanno cercato di ridurre il tempo in cui gli aeroplani rullano sulla pista in attesa dell'apertura di un cancello.

 

Inoltre, alcuni aeroporti hanno iniziato ad affrontare il problema delle emissioni generate dai veicoli utilizzati sull'asfalto. Stanno esplorando l'efficacia dei combustibili alternativi, compreso il gas di petrolio liquefatto e il gas naturale compresso, che hanno emissioni meno nocive del diesel e della benzina.

 

"Ridurre il tasso di inquinamento negli aeroporti è un compito difficile", ha dichiarato Kevin Wood, Vice President Sales & Marketing di Camfil USA. “Richiederà un cambiamento di mentalità da parte dei funzionari aeroportuali in termini di come gestiscono gli aeromobili sulla pista. Ad esempio, un aeroporto nel Minnesota ora richiede che gli aerei rimangano all'altitudine di crociera per un periodo di tempo più lungo prima di avvicinarsi all'aeroporto. Di conseguenza, gli aerei consumano meno carburante ed emettono meno anidride carbonica ".

 

E come accennato in precedenza, questo non è solo un problema per gli aeroporti, ma è vitale per le persone che vivono vicino a un aeroporto che sono danneggiate dal livello di inquinamento generato dagli aerei che decollano e atterrano ogni giorno.

 

Prevenzione dell'inquinamento aeroportuale

Se vivi vicino a un aeroporto, puoi intervenire per migliorare la qualità dell'aria che respiri. In primo luogo, riconosci che trascorri la maggior parte del tuo tempo in casa; quindi la qualità dell'aria interna è vitale per la tua salute. In secondo luogo, investire in un purificatore d'aria classificato per rimuovere l'inquinamento da gas e particelle dall'aria. Terzo, assicurati di installare l'aria.

 

 

 

In aeroporto invece: ancora filtri

 

 

 

 

Il comfort dei passeggeri aerei mentre trascorrono il tempo nei terminal in attesa di voli, prenotando biglietti e affrontando gli aspetti frustranti della sicurezza aeroportuale è una delle principali preoccupazioni per coloro che progettano o mantengono queste strutture.

 

Sebbene i passeggeri siano transitori, i ritardi dei voli possono aumentare significativamente l'occupazione dei terminal e l'esposizione a contaminanti. I dipendenti aeroportuali meritano anche un ambiente di lavoro adeguato che includa aria interna equivalente al 100% di aria esterna pulita.

 

L'inquinamento aeroportuale può provenire da un'ampia varietà di fonti tra cui motori di aeromobili, unità di potenza ausiliarie, attrezzature di supporto a terra, veicoli per il trasporto a terra e, naturalmente, contaminanti creati dall'elevato volume di persone che si spostano all'interno della struttura. Gli aerei commerciali utilizzano cherosene per aviazione (carburante per aviogetti del Jet A) o una benzina per aviazione comunemente indicata come Avgas. Le unità di potenza ausiliarie normalmente bruciano carburante per aviogetti. L'unità di supporto a terra può includere rimorchiatori per aeromobili, unità di assistenza all'avviamento, carrelli elevatori, trattori, unità di condizionamento d'aria, unità di alimentazione a terra, rimorchiatori per bagagli, caricatori a nastro, camion di carburante o idranti, camion di catering, camion deicer, camion dell'acqua, camion dei servizi igienici e merci caricatori, tra gli altri. I contaminanti di queste unità variano a seconda del tipo di carburante (ad es. Benzina, diesel, propano, elettrico, ecc.). Navette passeggeri, autobus e mezzi di trasporto come taxi e pick-up di veicoli personali si aggiungono al mix di inquinamento specifico dell'aria che circonda il terminal dell'aeroporto.

 

I sistemi di filtrazione dell'aria per proteggere l'ambiente del terminal servono a doppia funzione, rimozione di particolato e rimozione di contaminanti gassosi e odori. I produttori di filtri dell'aria soddisfano da anni i requisiti unici di queste strutture utilizzando filtri dell'aria antiparticolato ad alta efficienza e adsorbitori gassosi. Queste tecnologie di filtrazione hanno avuto un tale successo che la stragrande maggioranza degli occupanti dei terminal raramente esprime preoccupazioni sulla qualità dell'aria.

 

Il filtro tipico applicato per controllare le particelle generate dagli scarichi della combustione, dalla costruzione, dalla manutenzione e dagli occupanti dei terminali è un filtro dell'aria MERV 13. Il numero MERV corrisponde a un'efficienza di rimozione del particolato in un sistema di classificazione sviluppato dall'American Society of Heating, Refrigeration and Air Conditioning Engineers.

 

Questo livello di efficienza rimuove tutte le particelle visibili nell'aria e rimuove anche quelle che non possono essere viste a causa delle loro dimensioni estremamente ridotte. Questi filtri contribuiscono al livello di pulizia generale della struttura poiché le macchie sulle pareti e altre polveri fastidiose vengono eliminate. Il fattore più importante, le particelle che danneggiano i polmoni trasportate dall'aria vengono rimosse dall'aria proteggendo gli occupanti dell'edificio.

 

Gli aeroporti utilizzano anche sistemi di adsorbimento, filtri a carbone di miscele granulari, per rimuovere i contaminanti gassosi dall'aria. Gli odori di bioeffluenti delle persone, i fumi del carburante per aerei e altri contaminanti gassosi vengono adsorbiti nei granuli di filtrazione e successivamente rimossi per lo smaltimento.

 

La capacità di assorbimento di questo tipo di filtrazione è così ampia che questi filtri vengono solitamente sottoposti a manutenzione solo una volta ogni due o tre anni. I mezzi adsorbenti sostituiti possono anche essere rigenerati e riutilizzati contribuendo come risorsa rinnovabile alle iniziative sostenibili di oggi.

 

Con l'attuale tecnologia di filtrazione è anche possibile affrontare le installazioni aeroportuali esistenti e in quasi tutti i casi ridurre significativamente le spese per il filtro dell'aria. Camfil ha pubblicato numerosi casi di studio. Uno in particolare rileva un'estensione della durata del filtro di oltre il 50% e un aumento del flusso d'aria di oltre il 300%. Il flusso d'aria è un fattore significativo per garantire una migliore qualità dell'aria interna in qualsiasi edificio, ma forse in nessun luogo più importante dei terminal aeroportuali. Una copia del loro caso di studio è disponibile sul loro sito web www.camfil.us.

 

Recentemente sono state promosse alcune tecnologie alternative come alternativa di filtraggio alle tradizionali pratiche di manutenzione della qualità dell'aria negli aeroporti. Incorporano tecniche di filtrazione a principio elettronico. Prima di considerare questo tipo di filtrazione è necessario valutare due fattori. La filtrazione a principio elettrico diminuisce di efficienza nel tempo; alcuni diminuiscono abbastanza rapidamente. Il controllo del particolato per la protezione degli occupanti degli edifici è l'obiettivo e qualsiasi efficienza inferiore a un MERV 13 mantenuto sarà accettabile, anche se tale calo di efficienza è intermittente per tutta la durata del filtro? Un'ulteriore affermazione per questo tipo di filtrazione è che l'azione elettrica distruggerà i contaminanti gassosi a causa dell'effetto del cambiamento molecolare. La preoccupazione accademica al momento è quale effetto ha la ripartizione dei contaminanti e qual è l'effetto dei gas risultanti?

 

Quando si progetta una struttura aeroportuale è meglio consultare un professionista della filtrazione dell'aria. I consulenti hanno un valore se hanno esperienza e uno dei fornitori più importanti di aeroporti in tutto il mondo è Camfil. Un elenco delle località negli Stati Uniti può essere trovato online così come elenchi aggiuntivi di località in tutto il mondo.